Gli studi di Nino Pedretti sul dialetto di Santarcangelo

***   ***   ***

Alla Baldini…Ascoltare, conoscere, curiosare

***   ***  ***

 

 

 

Gli studi di Nino Pedretti sul dialetto di Santarcangelo

incontro con Davide Pioggia

Giovedì 21 settembre, ore 21

Biblioteca Comunale “A. Baldini”

 

Il “Cantiere poetico” quest’anno è stato dedicato – con grande successo di interessi e di affluenza –al poeta Nino Pedretti.

Come ideale continuazione, alla biblioteca Baldini un incontro di approfondimento per comprendere le ragioni e gli scopi che spinsero questo autore santarcangiolese ad affrontare un’analisi linguistica del proprio dialetto.

Davide Pioggia illustrerà, in modo semplice, un problema tecnico in cui si sono imbattuti coloro che hanno cercato di scrivere il dialetto di Santarcangelo. Di tale problema presero pienamente coscienza Nino Pedretti e Raffaello Baldini all’inizio degli anni ’70 del secolo scorso. Fu il desiderio di risolvere questo problema la ragione principale che mosse Pedretti.

L’incontro sarà fruibile anche da coloro che non sono particolarmente interessati allo studio dei dialetti romagnoli, ma sono comunque interessati alla figura di Nino Pedretti. Ci sono infatti ragioni particolari e importanti se autori come Pedretti e Baldini hanno dedicato anni di lavoro e fatica alla risoluzione di quello che a prima vista potrebbe sembrare un semplice problema tecnico. Se non si comprende, anche solo per sommi capi, quale fosse il problema di fondo, sfuggono aspetti importanti del loro rapporto col dialetto e anche della loro personalità.

Comunque anche chi non sia particolarmente interessato al dialetto di Santarcangelo né all’approfondimento degli autori santarcangiolesi avrà modo di vedere, con un esempio concreto e significativo, come agiscano i condizionamenti culturali, costituendo dei pregiudizi e alterando la percezione delle cose. In questo caso si tratta della percezione dei rapporti fra l’italiano e il dialetto. Anche questo aspetto era stato colto chiaramente da Pedretti e Baldini, come mostrerà Pioggia illustrando dei passi della loro corrispondenza.

 

***  ***   ***

 

DAVIDE PIOGGIA

 Glottologo, laureato in Fisica con lode, presso l’Università degli Studi di Bologna, (discutendo una tesi teorica di meccanica quantistica)

Si è poi dedicato al campo interdisciplinare della teoria dei sistemi complessi, occupandosi in particolare delle sue applicazioni alla linguistica, relativamente alle dinamiche che regolano l’evoluzione delle lingue, per lo più al di fuori della consapevolezza dei parlanti.

I suoi studi in questo campo si sono concentrati sullo sviluppo storico dei dialetti, in particolare di quelli romagnoli, sui quali ha svolto ricerche approfondite, raccogliendo centinaia di interviste e proponendo diverse ipotesi teoriche sul loro sviluppo.

Per l’analisi fonetica e fonologica dei dati raccolti Pioggia ha collaborato a lungo col glottologo bolognese Daniele Vitali, e i due si sono avvalsi occasionalmente della consulenza di Luciano Canepari, dell’Università di Venezia.

Accanto all’attività di ricerca Pioggia ha svolto anche un’ampia opera di promozione e valorizzazione dei dialetti romagnoli, diffondendone la conoscenza fra gli specialisti e il grande pubblico. A questo scopo ha curato la pubblicazione di diversi testi dialettali, fornito delle consulenze scientifiche, corredato alcuni testi di note linguistiche e tenuto lezioni e seminari in gran parte della Romagna.

Dall’unione della ricerca con l’opera di valorizzazione è nato il sito dialettiromagnoli.it, fondato e tutt’ora curato da Pioggia.

Il sito mette a disposizione centinaia di registrazioni audio, con le letture di testi letterari, inventari fonologici, collegamenti ad altre risorse in rete, e conta circa 60 mila visite annuali, da ogni parte del mondo.

Il 20 ottobre 2015 è stato nominato membro del Comitato Scientifico per la salvaguardia, la valorizzazione e la trasmissione dei dialetti dell’Emilia-Romagna, istituito dalla Legge Regionale 18 luglio 2014 N. 16 Art. 5 e costituito con la Delibera di Giunta GPG/2015/1680.

Saggi monografici

E’ rèmmal. La quantità nei testi degli autori santarcangiolesi. Con l’integrazione quantitativa de La nàiva. Ciacri. Furistir di Raffaello Baldini. In appendice un’intervista a Gianni Fucci, Verucchio, Pazzini, 2015

Dialetti romagnoli. Pronuncia, ortografia, origine storica, cenni di morfosintassi e lessico, confronti coi dialetti circostanti, con Daniele Vitali, consulenza fonetica di Luciano Canepari, Verucchio, Pazzini, 2014 (Seconda edizione aggiornata, 2016)

Fonologia del santarcangiolese, con la prefazione di Giuseppe Bellosi e un’appendice di Daniele Vitali e Luciano Canepari, Verucchio, Pazzini, 2012
 

Articoli correlati

Giovedì 12 dicembre, ore 21

Incontro con Gando Diallo

Biblioteca Baldini - Presentazione del libro Un amore costoso. Autobiografia

© 2012-2019 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy policy   -   Cookie policy   -   Credits