Figure a Teatro: rassegna itinerante con burattini e figure

Figure a Teatro - 20 novembre

Continua la III edizione di “Figure a Teatro”, rassegna itinerante di burattini e figure, che quest’anno rientra in un progetto molto più ampio, finanziato dalla Regione Emilia Romagna – L.R. 4/16 – dal titolo “Narrazioni poetiche: storie e tradizioni del territorio”.

La rassegna, curata e promossa da Fondazione Culture Santarcangelo (Musei Comunali), con la Direzione artistica di Vladimiro Strinati, vede coinvolti, oltre al Comune di Santarcangelo di Romagna, i Comuni di Bellaria Igea Marina, Poggio Torriana e Verucchio.

Burattini e burattinai incontreranno i bambini e le bambine, compiendo un viaggio alla scoperta del territorio, portando in scena divertimento e fantasia.

Il secondo appuntamento è fissato per domenica 20 novembre alle ore 16 presso il Teatro Astra di Bellaria, con protagonista la Compagnia Tanti Cosi Progetti di Ravenna, che presenterà lo spettacolo Ferdinando il toro, i fiori e il calabrone.

DOMENICA 20 NOVEMBRE – ORE 16.00
Teatro Astra – Bellaria
Compagnia Tanti Cosi Progetti (RA)
Ferdinando il toro, i fiori e il calabrone

Di Danilo Conti e Antonella Piroli
Scene: Massimiliano Fabbri – Scuola Arti e Mestieri Cotignola
Musiche: Mario Strinati

C’era una volta in Spagna un piccolo toro che si chiamava Ferdinando. Tutti gli altri piccoli tori, suoi compagni di allevamento, correvano, saltavano e si prendevano a testate; ma Ferdinando no.
Lui aveva il suo posticino prediletto sotto un albero di sughero, dove si accucciava tranquillamente all’ombra ad annusare i fiori. La sua mamma capiva che lui non si sentiva solo e lo lasciò stare perché era contento.

Con il passar degli anni Ferdinando crebbe e crebbe, finché divenne molto grosso e molto forte. Tutti gli altri tori volevano combattere nell’arena di Madrid, ma Ferdinando no; gli piaceva ancora star seduto sotto l’albero di sughero ad annusare i fiori. Un giorno cinque uomini andarono a scegliere i tori più grossi, veloci e feroci per la corrida. Ma Ferdinando sapeva che non l’avrebbero scelto e non gl’importava; così tornò a sedersi sotto il suo albero e inavvertitamente si sedette sopra un calabrone che, sentendosi schiacciato, si difese pungendolo dolorosamente.

Ferdinando allora cominciò a correre sbuffando e muggendo come impazzito; i cinque uomini lo videro e lo fecero portare via su un carro, per il combattimento con il torero nell’arena, nella Plaza de Toros. Il giorno del combattimento ci fu grande festa, la parata, i banderilleros con i loro punteruoli aguzzi per punzecchiare, i picadores con le lunghe lance da conficcare nel toro per farlo arrabbiare ancora di più, poi arrivò il matador, il più famoso di Spagna, con una cappa rossa e la spada, per infilzare il toro dopo tutti gli altri, e dagli spalti gli venne lanciato un mazzo di fiori.

Arrivò il momento di Ferdinando, che tutti chiamavano Ferdinando il feroce, e avevano paura di lui, tanto era grande e forte. Quando corse al centro dell’arena tutti urlarono e batterono le mani, convinti che avrebbe lottato ferocemente, piantando le corna dappertutto, ma Ferdinando vide quei fiorellini in mezzo all’arena, e, guardandosi intorno li vide anche a ornare le acconciature delle ragazze tra il pubblico… ne sentì i profumi… i suoi amati fiori…

Pubblicata per la prima volta nel 1936, la favola di Ferdinando, il giovane toro che preferisce il profumo di un fiore alla violenza della corrida, suonò a molti come una nemmeno troppo velata metafora pacifista. Un messaggio potente, che contrapponeva in modo ironico e paradossale l’umanità del toro e la bestialità della violenza e della guerra. Anche Gandhi lo citava tra i suoi libri preferiti. E, per quello che ne sappiamo, Ferdinando è ancora là sotto la sua quercia da sughero preferita che annusa tranquillo il profumo dei fiori.

Informazioni

Durata 50 minuti
Lo spettacolo è adatto a bambini dai 3 ai 7 anni.
Per info contattare il Centro per le Famiglie allo 0541 343789 oppure scrivere un’e-mail a m.baietta@comune.bellaria-igea-marina.rn.it

Prossimi appuntamenti

SABATO 26 NOVEMBRE
SANTARCANGELO
ore 16.00, Supercinema 
COMPAGNIA TEATRO MEDICO IPNOTICO – PARMA
Safari

SABATO 03 DICEMBRE
VILLA VERUCCHIO
ore 16.00, Sala Romagna Mia
TEATRO DEL DRAGO/MAURO MONTICELLI
Il pentolino dell’acqua stregata

GIOVEDÌ 08 DICEMBRE
POGGIO TORRIANA
ore 15.00, Centro Sociale
COMPAGNIA BARBARICCIA
Il mistero del cane nero

 

domenica 20 novembre 2022

Articoli correlati

Natale 2022 alla Baldini

Natale alla Baldini

Gli appuntamenti dedicati ai più piccoli di questo Natale 2022 alla Biblioteca Baldini.

Arca 26 novembre 2022_Post
Sabato 26 novembre 2022

ARCA di santARCAngelo

Sabato 26 novembre alle 12.00 assisteremo all'inaugurazione del murale realizzato dall'artista Nicolò Reali, in arte Gola Hundun, col sostegno del Gruppo Ivas.

© 2012-2022 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy Policy   -    Cookie Policy   -    Preferenze Cookie   -    Credits