Incontro con Matteo Caffettani

 

Presentazione del volume

Il posto della vita e della morte

(ed. Robin, 2017)

Interviene l’autore

Matteo Caffettani

Conduce l’incontro

Emanuele Zangoli

Noir ambientato a MILANO con protagonista l’investigatrice SIMONA CALABRIA

Milano, novembre 2014. Nei giorni in cui la città è battuta da una pioggia incessante ed è percorsa dai tumulti per lo sgombero delle case popolari, viene ucciso a casa sua Luca Bonavita, un avvocato d’affari: accoltellato, con le mani mozzate e il corpo interamente verniciato di rosso. A indagare è un gruppo operativo della sezione omicidi della Squadra Mobile della Polizia: agli ordini del commissario capo Santoro, lavorano i sovrintendenti Simona Calabria, quarantenne di origine pugliese, e Massimo Franchi, milanese pressoché coetaneo e con una forte simpatia per la collega. Con loro l’ispettore Giordano Blasetti, cinquantacinque anni, poliziotto capace che vive all’ombra della tragica morte dell’unico figlio.

La mattina successiva all’uccisione di Bonavita, viene trovato impiccato Stefano Tommasi, che risultava essere presente sul luogo del delitto. Le testimonianze della compagna di Bonavita e della madre di Tommasi confermano che in casa dell’assassinato ci fosse anche Giulio Frangipane, giornalista, che diventa quindi il sospettato numero uno.

Per quale motivo si erano ritrovati i tre, che paiono essere conoscenti ma non esattamente amici? Cosa è successo tra di loro, al punto da far degenerare l’incontro?
Mentre le indagini partono dalla pista dei possibili legami professionali tra Bonavita e Frangipane, si verificano altri delitti.

Gli investigatori si metteranno sulle tracce di un assassino spietato, mentre le intuizioni di Simona la condurranno fino in Trentino, dove molti anni prima hanno avuto luogo eventi che trascinano i loro effetti nefasti fino ai giorni nostri.

 

MATTEO CAFFETTANI

È nato nel 1977 e vive in provincia di Reggio Emilia. Ha trascorso tre anni a Milano, prima per un Master post-universitario, poi per lavoro: da lì l’idea di ambientare questo romanzo nella metropoli Lombarda. È un funzionario pubblico. Collabora con il quotidiano Gazzetta di Reggio (Gruppo Espresso) per recensioni e consigli di lettura.

Nel 2013 ha auto-pubblicato il romanzo di formazione Eredità inattesa, disponibile in e-book sulle principali piattaforme.

Il posto della vita e della morte è il suo primo thriller ed è stato finalista al Premio Nebbia Gialla 2016

Sabato 14 dicembre, ore 17

Articoli correlati

© 2012-2020 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy policy   -   Cookie policy   -   Credits