Incontro online con Michele Marziani

Sabato 12 dicembre alle ore 17
in diretta sulla pagina facebook della Biblioteca A. Baldini

Incontro con lo scrittore Michele Marziani

in collaborazione con il gruppo di lettura GiurodiLeggere della biblioteca

 

Michele Marziani è nato nel 1962 a Rimini. Tra le sue ultime pubblicazioni il romanzo “Lo sciamano delle Alpi” (Bottega Errante Edizioni), il memoir filosofico “Il suono della solitudine” (Ediciclo) e i romanzi “Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta” (Ediciclo) e “La figlia del partigiano O’Connor” (Clichy).
Marziani è autore anche di ventidue libri di viaggi e antropologia del cibo e del vino tra i quali “Il Gambero Nero” (DeriveApprodi), “Sovversivi del Gusto” (Ndapress), “A pranzo con Giulia” (Guido Tommasi editore. Premio Selezione Bancarella per la cucina).

Dopo vent’anni di giornalismo dedicato ai temi sociali, all’ambiente, alla valorizzazione dei territori e della cultura enograstronomica italiana, nel 2007 abbandona tutte le collaborazioni giornalistiche, per dedicarsi soprattutto alla narrativa, pur proseguendo nella pubblicazione di saggi di viaggio e cultura materiale.

Nel 2006 ha pubblicato il suo primo romanzo “La trota ai tempi di Zorro”, in cui gli anni di piombo sono visti attraverso gli occhi ingenui e curiosi di un ragazzino che trova nella pesca alla trota la chiave di lettura del mondo, una possibilità di conoscenza e di riscatto rispetto al cinismo della vita. Seguono “Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta” (2008), storia di un broker finanziario che lascia un remunerativo lavoro per fare il meccanico di biciclette e il suo negozio a Milano diviene crocevia di incontri, amori, pensieri, avventure; “La signora del Caviale” (2009), ambientato in una comunità di pescatori di storioni nel basso corso del fiume Po durante la seconda guerra mondiale; “Barafonda” (2011), storia dura, scomoda, poetica, ironica, per raccontare i piccoli e grandi mali del nostro tempo, e la raccolta di racconti “Un ombrello per le anguille” (2012), in cui i pesci, come le parole, raccontano di pesca, di vita, ricordi, sensazioni, sentimenti, albe e fiumi, nostalgie.

Nel 2013 pubblica “Nel nome di Marco”, un romanzo in cui il mito del ciclista Marco Pantani, tra ascesa e caduta, viene ripercorso nella personale vicenda del protagonista, un ex sacerdote che ha lasciato la tonaca per sposare la donna che ama, ma che vive come una punizione la sofferenza per la malattia e la “diversità” del figlio, affetto dalla sindrome di Down, nato da quel matrimonio.

Nel 2014 diventa direttore editoriale di Antonio Tombolini Editore marchio editoriale di StreetLib. Nello stesso anno pubblica il romanzo Fotogrammi in 6×6, dove attraverso una serie di frammenti narrativi ripercorre la storia di un terrorista rosso durante gli Anni di piombo. Nel 2017 pubblica il romanzo La figlia del Partigiano O’Connor, una storia al femminile che attraversa l’Ossola, l’isola di VentoteneBarcellona e l’Irlanda sulle orme di Malachy O’Connor, combattente irlandese per la libertà.

Nel 2018 arriva in libreria con “Il suono della solitudine”, un libretto a metà tra un saggio e un memoir, dove sostiene che “il segreto non è piacere agli altri, ma vivere come piace a te”. Nel 2020 torna alla narrativa con “Lo sciamano delle Alpi”. Vive dividendosi tra l’alta Valsesia e Dublino, ma ha vissuto a lungo a RiminiMilano e sul lago d’Orta.

 

Qualche informazione in più sulle due più recenti pubblicazioni dello scrittore Michele Marziani, su cui si incentrerà soprattutto l’incontro:

Lo sciamano delle Alpi (Bottega Errante , 2020)

Uscito in libreria il 20 gennaio, dopo una settimana era già in ristampa “Lo sciamano delle Alpi” (Bottega Errante Edizioni), ottavo romanzo dello scrittore riminese Michele Marziani che da alcuni anni vive in Piemonte, in un piccolo paese della Valsesia.

La montagna con i suoi silenzi e i suoi grandi spazi è l’ambientazione scelta da Marziani per “Lo sciamano delle Alpi”, romanzo che ha per protagonista Adrasto Beltrami, medico cinquantenne che vive da eremita nelle valli piemontesi dell’Ossola. Per un progetto di investimento che deve essere approvato da tutta la famiglia, i tre fratelli Beltrami intraprendono una rocambolesca ricerca di Adrasto con cui da tempo non hanno rapporti. Un viaggio avventuroso che li riporterà tra gli alpeggi e i boschi della loro infanzia.

Il romanzo, oltre a essere una storia “di famiglia”, allarga lo sguardo alla malattia, alle scelte di cura e alla medicina non convenzionale, e conduce il lettore a riscoprire un tassello di storia dimenticata, quella delle antiche miniere d’oro dell’Ossola, chiuse nel Dopoguerra.

 

Il suono della solitudine. Piccole storie da raccontare a te stesso (Ediciclo, 2018)

L’autore, in questo breve ed agile libricino, ci porta per mano a conoscere i lati affascinanti (ma anche quelli più pericolosi) della solitudine, “un sentiero di crinale sullo spartiacque della vita, una vertigine permanente”. Partendo dall’assunto che “il segreto non è piacere agli altri, ma vivere come piace a te”, l’autore racconta di come vivere in modo solitario aiuti ad avere meno paura del mondo, meno credulità, a far viaggiare il pensiero creativo, ci doni più libertà, più desiderio di fare le cose. È una dimensione che non è per tutti. Occorrono fortuna e buona salute, ma non sono requisiti sufficienti. La solitudine bisogna conquistarla, essere disposti a pagarla, amarla. Trovare il coraggio di stare in equilibrio su un abisso, su un vuoto dove si può precipitare in ogni attimo e finire laggiù, nel mondo dei soli. La solitudine è un cammino su una fune, verso una vita più ricca, più autentica, per la quale vale la pena di spendersi, ma dove ogni passo va fatto con sorriso e consapevolezza.

Del volume è stata realizzata anche la versione in ebook  – disponibile e scaricabile da SCOPRIRETE, il catalogo OPAC della Rete bibliotecaria di Romagna e San Marino.

sabato 12 dicembre, ore 17 in diretta sulla pagina facebook della Baldini

Articoli correlati

venerdì 7 maggio alle ore 17.30 online sulla pagina Facebook della biblioteca

Gioacchino Volpe nello specchio del suo archivio

L’iniziativa promossa dalla biblioteca per la “Settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio” e “Il maggio dei libri”

da lunedì 26 aprile 2021

Riapertura Biblioteca

con il passaggio della Regione in Zona Gialla la Biblioteca Baldini riapre

© 2012-2021 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy policy   -   Cookie policy   -   Credits