Mostra Archeologica al Musas

Lo spazio del tempo.
Calendari romani tra ritmi naturali e culturali

Musas – Museo Storico Archeologico di Santarcangelo di Romagna

5 gennaio – 21 maggio 2023

Lo spunto per la mostra viene da una piccola lastra in terracotta, scoperta nel 1846 nella Pieve di San Michele a Santarcangelo poi acquisita nelle collezioni del Municipio di Rimini.

Lo studio in corso sembra confermare che si tratti di un index nundinarius, un calendario dei giorni di mercati (nundinae), che riporta la lista (index) dei centri in cui si svolgevano, databile già alle prime fasi dell’occupazione romana nel territorio (circa III secolo a.C.).

Così è nata l’idea di raccontare la storia dei calendari, come strumenti inventati in epoca romana per misurare il tempo.

Il percorso è diviso in tre sezioni:

I. Il tempo della scoperta

La sezione presenta l’index (il reperto originale), i documenti utilizzati per il suo studio e un altro calendario, utile come confronto, che viene da una località ignota del Lazio: la tavola nundinale contiene non solo una lista di luoghi di mercato in quella regione, ma anche una complessa raffigurazione che sembra rappresentare graficamente lo “spazio del tempo”, per questo scelta come logo della mostra.

II. Il tempo dei calendari

In epoca antica il tempo era scandito dai cicli della luna e del sole e dalle stagioni, che condizionavano i cicli agricoli. I calendari nacquero dunque come calendari rustici, utilizzati dai contadini per conoscere le attività da svolgere in base alle fasi lunari e le feste collegate, ritmando dunque il tempo del lavoro e quello della vita sociale.

Al centro della sala campeggia il calendario agricolo di epoca romana più completo finora noto, il cosiddetto Menologium rusticum Colotianum.

III. Il tempo delle stagioni

Le quattro stagioni sono al centro di numerosi calendari realizzati a mosaico, personificate in figura umana e accompagnate da simboli legati al relativo periodo dell’anno.

Il ritmo delle stagioni che scandisce il ciclo agricolo costituisce il filo conduttore che qualifica il territorio santarcangiolese, senza soluzione di continuità dall’epoca antica ad oggi. Per questo si è scelto di presentare le stagioni attraverso un richiamo agli oggetti dell’etnografia e una lettura in chiave moderna delle fonti iconografiche antiche.

Percorsi di visita dedicati alle scuole

Il museo propone alcune attività dedicate alle scuole nell’ambito dei temi della mostra, ed è a disposizione per realizzare dei percorsi personalizzati per le classi interessate.

Clicca qui per scaricare la proposta didattica.


Mostra promossa e realizzata da
Comune di Santarcangelo di Romagna (RN)
Fo.Cu.S. Fondazione Culture Santarcangelo 

Progetto scientifico
Elena Rodriguez, Maria Luisa Stoppioni
con la consulenza di Federica Foschi e Mario Turci

Progetto espositivo e allestimento
Prisma Associazione Culturale, Elena Rodriguez, Luisa Stoppioni

Decorazioni
Erbacea Lab
Francesca Cesari

Testi dei pannelli
Elena Rodriguez, Maria Luisa Stoppioni

Video
Prisma Associazione Culturale
Voce narrante: Francesco Montanari

Enti prestatori
Comune di Rimini – Museo della Città “Luigi Tonini”; Biblioteca Civica Gambalunga
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini
Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale – Direzione Musei archeologici e storico-artistici – Museo della Civiltà Romana

Crediti fotografici
© Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini
© RavennAntica
© Rimini – Museo della Città “Luigi Tonini”; Biblioteca Civica Gambalunga
© Roma Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale
© Met – Museo degli Usi e Costumi della Gente di Romagna, Santarcangelo di R.

Coordinamento organizzativo e segreteria
Fo.Cu.S. Fondazione Culture Santarcangelo

Ufficio stampa e comunicazione
TiNOcomunicazione
Grafico Claudio Pianelli

Musas – Museo storico archeologico Santarcangelo
via A. Della Costa, 26 – 47822 Santarcangelo di R.
www.focusantarcangelo.it/musas

DAL 5 GENNAIO AL 21 MAGGIO 2023

Articoli correlati

Servizio Civile 2023
2023

Bando Servizio Civile 2023

Fino al 10 febbraio 2023 è possibile presentare le domande per candidarsi al Servizio Civile 2023.

© 2012-2023 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy Policy   -    Cookie Policy   -    Preferenze Cookie   -    Credits