Restauro di vestitini per burattini

Si sono conclusi gli interventi di restauro sulla collezione di manufatti tessili per marionette e burattini donati al Museo Etnografico dal sig. Renzo Pirini di San Mauro Pascoli e appartenuti alla Famiglia Salici-Stignani. La collezione si compone di 328 pezzi, tra cui oltre 60 completi, realizzati tra la metà dell’Ottocento ed il primo Novecento, epoca in cui la famiglia Salici era in piena attività. I vestiti presentano stoffe pregiate (seta, raso, cotone, velluto, tessuti damascati, passamaneria argentata e dorata), nuove o di risulta, evidenziando anche grande attenzione ai particolari, come bottoni, borchie e merletti.

L’intervento, finanziato dall’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, è stato condotto dalla Ditta Archè di Carpi (MO), che ha proceduto ad un lavoro di pulitura meccanica della polvere, permettendo così di aumentare la stabilità chimica degli oggetti trattati, e al lavaggio ad acqua o a secco tenendo conto delle condizioni dell’abito e del tessuto.

Oggi gli abitini sono tornati al loro splendore. In genere ogni compagnia provvedeva autonomamente a realizzare i costumi che, per mezzo di chiodi e di spille, venivano fissati ai burattini e alle marionette. Una volta confezionati, questi erano destinati ad avere una lunga vita: venivano tramandati di generazione in generazione, e ciò spiega come mai oggi appaiano piuttosto consunti.
A tale proposito occorre poi considerare che le compagnie disponevano di molti più vestitini che marionette, ed ogni marionetta o fantoccio poteva arrivare ad indossarne più di uno, per poter recitare parti diverse.

In più il mestiere del marionettista e del burattinaio era un mestiere girovago, e gli abiti, finito lo spettacolo, venivano frettolosamente riposti all’interno di ceste o casse pronti per essere trasportati da un teatro all’altro, da una piazza all’altra.
È difficile cercare di capire questi costumi a quali personaggi appartenevano, dato che il teatro delle marionette aveva dei repertori molto vari (che andavano dal dramma all’operetta, al varietà) a differenza di quello dei burattini, dove ogni personaggio è facilmente riconducibile ad una maschera della Commedia dell’Arte.

È iniziato inoltre il restauro della collezione di burattini e marionette del Museo Etnografico (52 personaggi) sempre finanziato dall’Istituto per i Beni Culturali. I burattini saranno restaurati dalla ditta La tela di Penelope (Prato), che interverrà sia sugli abiti sia sulla struttura stessa del burattino, in particolare sui volti realizzati in legno o in cartapesta. L’obiettivo principale, attraverso questi restauri, è quello di tutelare e valorizzare questo ricco patrimonio artistico e culturale, di dare nuovamente rilievo e importanza alla tradizione del teatro popolare di piazza.

Articoli correlati

Arca 26 novembre 2022_Post
Sabato 26 novembre 2022

ARCA di santARCAngelo

Sabato 26 novembre alle 12.00 assisteremo all'inaugurazione del murale realizzato dall'artista Nicolò Reali, in arte Gola Hundun, col sostegno del Gruppo Ivas.

Mostra retefì
Sabato 26 novembre 2022

Apre il sipario ReTeFì

APRE IL SIPARIO ReTeFì (Rete dei Musei Regionali del Teatro di Figura): appuntamento per sabato 26 novembre alle 10.00 presso il Met – Museo Etnografico di Santarcangelo di Romagna.

© 2012-2022 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy Policy   -    Cookie Policy   -    Preferenze Cookie   -    Credits