Il Museo

La scelta di ospitare il Museo Storico Archeologico nel Palazzo Cenci è dettata in particolare dalla sua collocazione: situato infatti tra la prima e la seconda cerchia muraria malatestiana, in prossimità della Porta Cervese, si affaccia su Piazza Monache che per secoli è stata un importante centro di socialità per la vita cittadina.

Proprio all’interno della cinta muraria si sviluppò il borgo medievale di Santarcangelo, che costituisce un tutto organico, quasi un “unico monumento” di particolare valore storico, artistico, urbanistico e ambientale, modellato dalle vicende vissute nel corso dei secoli.

La sua storia romana va ricercata in pianura, vicino al fiume e all’antica Pieve di San Michele, dove esisteva un piccolo centro rurale chiamato “Pago Acervolano”; la sua storia medievale invece si è svolta sul colle, dove la popolazione si è difesa circondandosi da mura, ampliate dai Malatesta signori di Rimini; e quella moderna sul colle e alla sua base, dove l’abitato si è allargato fino a raggiungere la Via Emilia.

L’ordinamento scientifico del suo materiale è dovuto a Pier Giorgio Pasini e a Maria Luisa Stoppioni.

MUSAS cerca di portare il significato e il piacere della storia al pubblico più vasto possibile e per tale motivo espone i beni che gli sono stati affidati ponendo come prioritaria la loro valorizzazione e una loro facile fruizione.

© 2012-2022 Fo.Cu.STutti i diritti riservatiCF / Partita IVA 02308610407
Privacy Policy   -    Cookie Policy   -    Preferenze Cookie   -    Credits